Privacy Policy

Pagine

07 agosto 2009

Cornacchie geniali

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge ha pubblicato uno studio sulla rivista Current Biology, in cui viene documentata l’insospettabile intelligenza dimostrata da un gruppo di quattro cornacchie, uccelli appartenenti alla famiglia dei Corvidi, nel procurarsi il cibo per mezzo di strumenti.

Le cornacchie sono state sottoposte a vari esperimenti. In uno di questi, sono state messe di fronte a un contenitore di vetro lungo e stretto, contenente dell’acqua su cui galleggiava un gustoso verme, troppo lontano però per essere raggiunto con il becco. I ricercatori hanno poi messo delle piccole pietre vicino al contenitore e immediatamente gli uccelli hanno capito che, gettando le pietre nell’acqua, il livello sarebbe salito fino a permetter loro di catturare il verme col becco. Due degli uccelli sono riusciti addirittura al primo tentativo. La cosa rimarchevole è che, tra tutti gli animali, solo gli orang-utan, cioè dei primati dotati di un grande cervello, hanno dimostrato di poter svolgere il medesimo compito con uguale successo.

La domanda che sorge a questo punto è: come mai in natura le cornacchie non adoperano strumenti per procurarsi il cibo? La risposta degli studiosi è che, pur avendo l’intelligenza per farlo, non ne hanno bisogno. Ciò dimostra in un certo senso la verità dell’antica massima del favoliere Esopo: la necessità aguzza l’ingegno.

I filmati seguenti mostrano appunto come la necessità spinga le cornacchie dell’esperimento ad azioni oltremodo intelligenti. Nel primo video, l’uccello sceglie direttamente la pietra più grande, cioè la più pesante, per arrivare al cibo.


In quest’altro filmato, la cornacchia usa delle pietre per alzare il livello dell’acqua e raggiungere il verme in uno dei contenitori, trascurando correttamente il contenitore che contiene sabbia, il cui livello non si alzerebbe gettandovi dentro le pietre.


In quest’ultimo filmato, la cornacchia realizza un gancio per mezzo del quale tira fuori dal contenitore il cibo.

Riferimenti:

Nessun commento :

Posta un commento